“Festival del Sarà”, Termoli capitale della transizione green

Si è concluso il “Festival del Sarà – Dialoghi sul futuro”, nella cornice di Piazza Duomo a Termoli (Campobasso).

BIlancio più che posi/vo per la sesta edizione del Festival: piazza piena di un pubblico attento e riflessivo che ha ascoltato le riflessioni di tutti i relatori e i messaggi di apertura di due colossi internazionali come Snam e Stellantis per il futuro del territorio e del Consorzio di sviluppo industriale della Val Biferno.

“Dal palco della sesta del Festival del Sarà sono giunte non solo riflessioni di grandissimo interesse sulla transizione che il paese sta vivendo, ma vere connessioni di senso che danno speranze concrete allo sviluppo del nostro territorio. Ringrazio tutti i partner che hanno reso possibile il festival, il pubblico numeroso e attento, sia in piazza, sia online, i mezzi di informazione locali che hanno seguito con interesse l’evento e quelli nazionali come Repubblica e Corriere della Sera che hanno accesso i riflettori sul Molise grazie al Festival. Ovviamente ringrazio tutti i relatori e in particolare Davide Guerra,
direttore dello Stabilimento di Stellantis e Cosma Panzacchi, vice presidente Snam per le potenziali conseguenze che possono avere per il Molise e in particolare per Termoli le loro dichiarazioni. Occorre
soffermarsi e rileggere le parole dei due dirigenti per comprenderne la portata.

Davide Guerra: “L’impegno da parte mia e del gruppo Stellantis è di coinvolgere maggiormente la comunità termolese. La promessa: Termoli avrà quel lustro che merita per la responsabilità incredibilmente alta che gli è stata data”.

Cosma Panzacchi: “L’Italia meDendo insieme tecnologia, capacità di fare squadra e di innovare può diventare un polo di produzione di energia, invece che un polo di importazione. Questo è possibile se
lavoriamo sulle rinnovabili, sull’idrogeno insieme e in zone come quella del Molise potrebbe creare una ricchezza infinita. Sì, il Cosib può giocare un ruolo decisivo per la transizione energetica”.

Sono felice che il Festival del Sarà abbia servito alle Istituzioni locali e alla società civile due importante assist che non possono andare dispersi. Si è tracciata una direttrice concreta per consentire a Termoli di divenire davvero la capitale italiana della transizione energetica green”.
Così Antonello Barone commenta la sesta edizione del “Festival del Sarà – Dialoghi sul futuro”.

Contatti: cell. 335-1033110

Precedente Alla scoperta del "Gigante" di Duronia (Campobasso) Successivo Termoli, la piaga dell'abbandono dei rifiuti