Franco Coop, la prima spalla di Totò

Franco Coop è nato a Napoli il 27 settembre 1891 da una nobile famiglia napoletana, con origini per ramo materno a Campobasso.

Franco Coop
in “Fermo con le mani

Ha iniziato la sua carriera in teatro nel 1916, nella compagnia Di Lorenzo-Falconi. Ha recitato con i maggiori attori dell’epoca.
Nel 1929 è entrato nella compagnia di spettacoli ZaBum, diretta da Luciano Ramo e Mario Mattoli.
Frequenti le partecipazioni al Teatro di Rivista, alle trasmissioni di prosa dell’Eiar e Rai, e a commedie e sceneggiati televisivi.
E’ stato uno dei primi attori del cinema italiano parlato; ha partecipato ad oltre ottanta film, in un arco di tempo compreso tra i primi anni Trenta fino a poco prima della morte, ricoprendo ruoli di caratterista, più volte in compagnia di Totò.
E’ stato anche saltuariamente impegnato nel doppiaggio, in particolare in Spagna, nel periodo 1943-1945.
E’ morto a Roma il 27 marzo 1962, stroncato da un edema polmonare. E’ sepolto al cimitero romano del Verano.
Film
Corte d’Assise, regia di Guido Brignone (1930)
La scala, regia di Gennaro Righelli (1931)
Stella del cinema, regia di Mario Almirante (1931)
Terra madre, regia di Alessandro Blasetti (1931)
Cinque a zero, regia di Mario Bonnard (1932)
La segretaria per tutti, regia di Amleto Palermi (1933)
Ninì Falpalà, regia di Amleto Palermi (1933)
La signorina dell’autobus, regia di Nunzio Malasomma (1933)
L’ultimo dei Bergerac, regia di Gennaro Righelli (1934)
La signora di tutti, regia di Max Ophüls (1934)
La signora Paradiso, regia di Enrico Guazzoni (1934)
La mia vita sei tu, regia di Pietro Francisci (1935)
Darò un milione, regia di Mario Camerini (1935)
Aldebaran, regia di Alessandro Blasetti (1935)
Cléo, robes et manteaux, regia di Nunzio Malasomma (1935)
Quei due, regia di Gennaro Righelli (1935)
Il serpente a sonagli, regia di Raffaello Matarazzo (1935)
Lohengrin, regia di Nunzio Malasomma (1936)
Sette giorni all’altro mondo, regia di Mario Mattoli (1936)
Lo smemorato, regia di Gennaro Righelli (1936)
È tornato carnevale, regia di Raffaello Matarazzo (1937)
I tre desideri, regia di Giorgio Ferroni (1937)
Fermo con le mani! regia di Gero Zambuto (1937)
Gli ultimi giorni di Pompeo, regia di Mario Mattoli (1937)
Scipione l’Africano, regia di Carmine Gallone (1937)
Il conte di Bréchard, regia di Mario Bonnard (1938)
L’albergo degli assenti, regia Raffaello Matarazzo (1938)
Chi è più felice di me!, regia di Guido Brignone (1938)
Bionda sottochiave, regia di Camillo Mastrocinque (1939)
La mia canzone al vento, regia di Guido Brignone (1939)
Don Pasquale, regia di Camillo Mastrocinque (1940)
Capitan Fracassa regia di Duilio Coletti (1940)
San Giovanni decollato regia di Amleto Palermi (1940)
Il re del circo, regia di Tullio Covaz (1940)
La bocca sulla strada, regia di Roberto Roberti (1941)
Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli (1941)
Il re si diverte, regia di Mario Bonnard (1941)
L’allegro fantasma, regia di Amleto Palermi (1941)
Gelosia, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
La fortuna viene dal cielo, regia di Ákos Ráthonyi (1942)
Senza una donna, regia di Alfredo Guarini (1943)
Le vie del peccato, regia di Giorgio Pàstina (1946)
Un mese d’onestà, regia di Domenico Gambino (1947)
Il barone Carlo Mazza, regia di Guido Brignone (1948)
La madonnina d’oro, regia di Luigi Carpentieri e Ladislao Vajda (1949)
La bellezza del diavolo, regia di René Clair (1949)
Canzone di primavera, regia di Mario Costa (1950)
Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1950)
Quel fantasma di mio marito, regia di Camillo Mastrocinque (1950)
Taxi di notte, regia di Carmine Gallone (1950)
La bisarca regia di Giorgio Simonelli (1950)
Incantesimo tragico (Oliva), regia di Mario Sequi (1951)
La presidentessa, Pietro Germi (1952)
Canzoni, canzoni, canzoni, regia di Domenico Paolella (1953)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1953)
Café Chantant regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Le vacanze del Sor Clemente, regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
Femmina, regia di Marc Allégret (1954)
L’arte di arrangiarsi, regia di Luigi Zampa (1954)
Sette canzoni per sette sorelle, regia di Marino Girolami (1956)
Ore 10: lezione di canto, regia di Marino Girolami (1956)
Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
Non perdiamo la testa, regia di Mario Mattoli (1959)
Quel tesoro di papà, regia di Marino Girolami (1959)
Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
Cinque ore in contanti, regia di Mario Zampi (1961)


Documento
Filmato Rai con presenza di Franco Coop:
https://www.youtube.com/watch?v=_QlbqbFTAcw&feature=youtu.be

Precedente Eugenio Cirese: il poeta molisano Successivo Antonio Cornacchione: il comico del “Povero Silvio”