Il “molisano” Neri Marcoré visita la Lega del filo d’oro

L’attore Neri Marcorè, con mamma molisana di Montenero di Bisaccia, è il testimonial della Lega del Filo d’Oro insieme a Renzo Arbore.

Prima del concerto al Castello Carrarese di Padova, l’attore ha deciso di fare una bellissima sorpresa agli utenti della sede territoriale padovana della Lega del Filo d’Oro, facendo loro visita nel pomeriggio. Accolto con grande entusiasmo dal personale, da alcuni utenti con i loro familiari, dai volontari e dal presidente dell’associazione Rossano Bartoli, che non poteva mancare, Neri ha salutato con affetto tutti i presenti.

Durante l’incontro Neri Marcorè ha conosciuto Giorgio e Nadia, due persone sordocieche seguite dall’associazione che lo hanno salutato e gli hanno mostrato gli ausili tecnologici da loro utilizzati per comunicare, come ad esempio la mini barra braille con collegamento iPhone o la bussola tattile.

Per l’occasione Thomas, un ragazzo sordocieco utente della sede, ha donato a Neri un mosaico che ha realizzato con le sue mani nel corso di attività laboratoriali.

Neri Marcorè ha ringraziato il personale e i volontari della Lega del Filo d’Oro per il loro grande impegno al fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e ha espresso un sincero incoraggiamento a tutte le famiglie. In seguito, ha colto l’occasione per un saluto presso la Fondazione OIC, con cui la Lega del Filo d’Oro ha un rapporto di collaborazione.

Siamo molto felici di aver accolto la visita di Neri Marcorè alla sede territoriale di Padova e ci tengo a ringraziarlo di cuore, a nome di tutta l’associazione, per l’affetto e la forte vicinanza che ci dimostra”, dichiara Rossano Bartoli, presidente della Lega del Filo d’Oro.

La sede territoriale della Lega del Filo d’Oro di Padova, attiva dal 2015, è il punto di riferimento per le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali del Nord-est Italia. I servizi offerti dalle sedi territoriali dell’associazione sono volti a promuovere l’inserimento attivo delle persone sordocieche nel tessuto sociale di appartenenza e a supportare le famiglie attraverso il lavoro sinergico di assistenti sociali ed educatori che attivano tutte le risorse sul territorio. Inoltre coordinano un gruppo di volontari che partecipano ad iniziative di socializzazione per gli utenti e per le famiglie oltre a promuovere le attività svolte dall’associazione. Nel 2019 la sede territoriale di Padova è stata di riferimento per 55 utenti e le loro famiglie.

Oggi la Lega del Filo d’Oro è presente in dieci regioni e segue ogni anno circa 950 utenti provenienti da tutta Italia svolgendo le sue attività di assistenza, educazione e riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali nei Centri e Servizi Territoriali di Osimo (AN), Sede principale dell’Ente, Lesmo (MB), Modena, Molfetta (BA) e Termini Imerese (PA) e nelle Sedi territoriali di Novara, Padova, Pisa, Roma e Napoli.

Per maggiori informazioni: www.legadelfilodoro.it.

Precedente Guardiaregia (Cb), progetto "Giubileo della luce" Successivo Libri, un racconto nel racconto: "Una splendida follia"