Scuola: tutte le date dell’anno scolastico 2011/12



ROMA – Archiviato da circa un mese l’anno scolastico 2010/11, nel pieno del solleone estivo ci si concentra sul nuovo calendario scolastico per il 2011/12.
Per la maggior parte degli studenti si comincerà il prossimo lunedì 12 settembre, quando varcheranno i cancelli delle scuole gli studenti di Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e delle province autonome di Trento e Bolzano.
Il giorno successivo toccherà agli studenti dell’Abruzzo.
In Campania e in Toscana la prima campanella del 2011/12 suonerà mercoledì 14 settembre.
Il giorno seguente – 15 settembre – toccherà ai ragazzi di Puglia, Sardegna e Sicilia.
Gli ultimi a cominciare saranno i ragazzi iscritti negli istituti scolastici di Basilicata ed Emilia-Romagna, che torneranno sui banchi di scuola soltanto il 19 settembre.
Per quanto riguarda le feste, andrà certamente meglio – sul piano delle interruzioni e dei “ponti” – rispetto all’anno appena concluso.
Il primo “ponte” scolastico sarà infatti quello d’Ognissanti, ma anche in questo caso le regioni hanno deliberato chiusure differenziate: in Abruzzo, Calabria, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Trentino, Valle d’Aosta e Veneto le scuole rimarranno chiuse lunedì 31 ottobre, “istituzionalizzando” il “ponte”. Invece in Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Marche, Molise, Sardegna e Trentino le lezioni si fermeranno mercoledì 2 novembre, ricorrenza per il ricordo dei defunti.
Per quanto riguarda l’interruzione natalizia la maggior parte dei ragazzi andrà il vacanza il 23 dicembre. Gli studenti di Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Marche, Valle d’Aosta e Veneto cominceranno invece le vacanze natalizia la vigilia, cioè il 24 dicembre. Ultimo giorno di vacanza, quasi per tutti, il 7 gennaio, tranne che per i ragazzi di Bolzano e del Veneto che rientrenanno in classe un giorno dopo. Mentre per gli studenti della Sardegna l’ultimo giorno sarà quello della Befana per rientrare in classe il 7 gennaio.
Nuova interruzione per le vacanze pasquali che, per la maggior parte degli studenti, prenderanno il via il 5 aprile 2012 per concludersi il 10, date in cui si fermeranno le attività in Basilicata, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta. Sempre da giovedì 5 aprile lo stop riguarderà il Veneto, dove però si anticiperà il rientro sui banchi di un giorno, e l’Abruzzo, dove le lezioni riprenderanno giovedì 12. In Umbria vacanze pasuqali più lunghe: dal 2 al 10 aprile compresi.
Ogni regione ha poi fissato altri giorni di sospensione della didattica. In Piemonte, ad esempio, la Regione ha previsto che tutte le scuole fermeranno dal 17 al 21 febbraio 2012. In Lombardia avranno luogo due diversi momenti di pausa didattica: lunedì 20 e martedì 21 marzo rimarranno chiuse le scuole che si trovano in parrocchie di rito romano; venerdì 24 e sabato 25 marzo niente lezioni negli istituti legati alle parrocchie di rito ambrosiano. La Regione Sardegna ha fissato la chiusura per il martedì grasso, il 21 febbraio. In Veneto sono previsti tre giorni di pausa: da lunedì 20 a mercoledì 22 febbraio.
L’anno scolastico avrà termine nella gran parte delle regioni – Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sardegna Toscana, Trentino, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto – sabato 9 giugno 2012. Qualche giorno di scuola in piu’ e’ previsto nelle altre regioni: il 12 giugno in Sicilia, il 13 giugno in Piemonte, il 16 giugno nell’Alto-Adige e in Basilicata.

<div class="

Precedente Università, in approvazione i decreti attuativi della riforma Successivo Escursioni nel Molise Frentano con l'Ecomuseo Itinerari Frentani