Molisani di Lombardia: inaugurata nuova sede



RHO (MILANO) – All’insegna dei 150 anni dell’Unità d’Italia, è stata inaugurata la nuova sede dell’Associazione “La Maiella” che riunisce gli abruzzesi e i molisani di Lombardia.
Fra lo sventolio di decine di bandiere tricolori e al suono dell’Inno di Mameli, eseguito dal Corpo Musicale Cittadino di Rho, è stata dunque inaugurata la nuova sede dell’Associazione Abruzzese Molisana “La Maiella” in via Crocifisso 31 a Rho, all’insegna del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.
Attiva per quasi venti anni nella storica sede di via Livello 11, l’associazione “La Maiella” è riuscita ad ottenere una sede nuova dall’amministrazione comunale di Rho “a riconoscimento, così ha dichiarato il sindaco, dell’impegno dell’associazione “La Maiella”, del suo presidente, Domenico D’Amico, e dei soci del sodalizio che onorano le proprie regioni d’origine e quella in cui vivono, dimostrandosi attivi, propositivi e protagonisti della vita culturale e sociale della nostra città”.
La cerimonia ha visto la partecipazione di un’autentica folla di cittadini rhodensi e del territorio insieme a numerose autorità civili, militari e religiose, tra cui il colonnello Simoncelli del Comando Militare Esercito Lombardia, i carabinieri di Rho, la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato, la Polizia Locale, il parlamentare Vinicio Peluffo, il Prevosto di Rho, Don GianPaolo Citterio, che ha impartito la benedizione divina sulla nuova sede e sui presenti, l’assessore provinciale Massimo Pagani, il presidente regionale ANFCDG, Sergio Ferrario e il vice presidente regionale ANFCDG, Franco Vallesani di Brescia, gli ex sindaci di Rho Paola Pessina e Roberto Zucchetti, il candidato sindaco Pietro Romano.
Numerose le delegazioni e i rappresentanti delle associazioni culturali, sociali combattentistiche e d’arma della città di Rho e del territorio circostante con le loro insegne e in particolare i rappresentanti e le delegazioni dell’ANFCDG regionale, provinciale e territoriale giunti numerosi a Rho per partecipare all’evento che ha visto la concomitante inaugurazione della sede locale dell’ANFCDG di Rho.
A fare gli onori di casa Domenico D’Amico nella sua duplice veste di presidente dell’associazione “La Maiella” di Rho e di presidente provinciale dell’Associazione Nazionale delle Famiglie dei caduti e Dispersi in Guerra di Milano.
Salutando e ringraziando i numerosi intervenuti, D’Amico, ha sottolineato come l’inaugurazione della nuova sede de “La Maiella” e della sezione comunale dell’ANFCDG avvenga in un periodo molto importante e significativo per il nostro Paese che celebra i 150 anni dell’Unità d’Italia.
D’Amico ha quindi ricordato gli scopi e le finalità delle due associazioni: “La Maiella, che da oltre un quarto di secolo promuove e diffonde la conoscenza dell’Abruzzo e del Molise in Lombardia, svolgendo nel contempo un importante ruolo culturale e sociale nella città.
L’ANFCDG, storico sodalizio sorto a Milano, nel 1917 durante la 1^ Guerra mondiale su iniziativa di un gruppo di madri e vedove di guerra sotto la guida di Padre Enrico Mauri coadiutore presso la Chiesa di San Gregorio ed ha evidenziato il significativo traguardo degli 85 anni della Sezione di Rho costituita, sempre su iniziativa di madri e vedove di guerra, nel 1926″.
Hanno poi preso la parola diverse autorità fra cui l’assessore provinciale di Milano, Massimo Pagani, che si è soffermato sul grande valore dell’associazionismo nel periodo attuale e sul valore storico e meritevole di associazioni come “La Maiella” per il suo importante ruolo culturale svolto in città e in provincia e l’ANFCDG il cui lavoro in favore dei familiari dei Caduti e dispersi in guerra dura da quasi un secolo.
Parole di plauso e riconoscimento sono venuti anche dall’intervento del colonnello Simoncelli del Comando Militare Esercito della Lombardia che ha sottolineato quanto sia importante conservare la memoria dei caduti in guerra e il senso di gratitudine verso tutte le Forze armate sia per il loro impegno e sacrificio nella costruzione dell’Unità del nostro Paese sia nel quotidiano impegno per mantenere la pace in Italia e nel mondo e come siano altrettanto importanti associazioni come “La Maiella” mirabile esempio di integrazione sociale e sviluppo culturale.
Parole condivise anche dall’onorevole Vinicio Peluffo che ha richiamato il grande messaggio di solidarietà sociale e di impegno civile che viene da associazioni come “La Maiella” e l’ANFCDG a cui va la gratitudine di tutti i cittadini e verso le quali lo Stato e le istituzioni pubbliche e private devono dedicare più attenzione e maggiore sostegno.
Ha concluso le allocuzioni l’intervento del Prevosto di Rho, Don GianPaolo Citterio che ha impartito la benedizione divina sulla nuova sede dell’associazione “La Maiella” e dell’ANFCDG di Rho e sui presenti con l’auspicio (e l’invito) perché ognuno sia ispirato nei suoi comportamenti quotidiani allo spirito di pace, di solidarietà e di giustizia.
Dopo il tradizionale taglio del nastro, un brindisi beneaugurante ha concluso la cerimonia in via Crocifisso da dove i partecipanti si sono poi mossi in corteo per giungere al Santuario dell’Addolorata per la Santa Messa.
Al termine della funzione religiosa, i molti cittadini intervenuti alla manifestazione hanno potuto visitare, con l’ausilio di una esperta guida, il Santuario, il più importante tempio mariano della Lombardia edificato da San Carlo Borromeo, ricco di storia ed arte con dipinti ed affreschi dei maggiori artisti lombardi del ‘600 e ‘700.
Un elegante e raffinato incontro conviviale presso l’antico refettorio del Collegio dei Padri Oblati di Rho, attiguo al Santuario, ha concluso una giornata davvero memorabile di cui vanno orgogliosi i responsabili dell’associazione “La Maiella” e della Sezione ANFCDG di Rho uniti in un impegno comune che rendo loro onore e rispetto.

<div class="

Precedente Apre il "Vinitaly" a Verona: il Molise nel segno della Tintilia Successivo Sos da "ArcheoMolise", rivista che rischia di chiudere