EVENTI/ Roma, 8 dicembre, kermesse a piazza del Popolo



ROMA – Appuntamento da non perdere l’8 dicembre a piazza del Popolo. Tornerà, infatti, “Toccata e Fuga Vacanze romane” in versione invernale. Dopo il successo degli spettacoli estivi, nonché della performance all’Expo di Shanghai, “Toccata e Fuga” torna nel cuore di Roma, e come scenografia sceglie due tra le più note e grandiose piazze capitoline.
Mercoledì 8 dicembre alle ore 17 nella splendida cornice di piazza del Popolo giocolieri, trampolieri e clown ricreeranno un’atmosfera di festa popolare per i più piccoli. Alle ore 18 sarà la volta dell’ormai nota kermesse itinerante di musica, canto e ballo. Il maestro Sergio La Stella, al pianoforte, e l’ormai consolidato quartetto, composto da Fabio Andreotti (tenore), Olga Adamovich (soprano), Irene Bottaro (mezzosoprano) e Cesidio Iacobone (basso) saranno protagonisti di uno spettacolo ispirato alle atmosfere natalizie, insieme al balletto di “Toccata e Fuga” che per il Natale 2010 sceglie una coreografia ispirata al musical americano che porterà la firma di Manuel Paruccini. Con performance di volta in volta selezionate in base all’umore della piazza, i cantanti e il maestro proporranno un repertorio che spazia da Mascagni a Gounod, Verdi, Rossini, Bizet, Puccini, abbinati a medley nelle lingue del mondo, omaggio ai turisti presenti nella Capitale, come Memory di A.L. Webber, ed ancora Granada, Oci chornie e tante altre.
Dopo il giorno dell’Immacolata a piazza del Popolo, gli appuntamenti con la kermesse proseguiranno a piazza di Spagna lunedì 13, 20 e 27 dicembre 2010 e lunedì 3 gennaio 2011, alle ore 18.
“Toccata & Fuga, vacanze romane” si è ormai accreditata come uno dei biglietti da visita dell’immagine di Roma nel mondo – spiega il Vicesindaco Mauro Cutrufo. Si è già esibita infatti in città come Tokyo, New York e Shanghai, dove ha portato il repertorio lirico e della canzone popolare tradizionale, che rappresenta una delle eccellenze del nostro Paese”.  

<div class="

Precedente Pioggia di messaggi a "Forche Caudine": sull'abolizione della provincia di Isernia Successivo MOSTRE/ Roma-Centocelle: 300 foto per la storia di un rione