Campitello Matese: cibi avariati in hotel



CAMPOBASSO – Il turismo molisano, già flebile, rischia di subire l’ennesimo contraccolpo. La Guardia di finanza ha scoperto cibi avariati, scaduti addirittura tra il 2004 ed il 2006, in tre hotel della stazione sciistica di Campitello Matese, uno delle due della regione, ed in uno di Campobasso. Sono stati in particolare rinvenuti pesci andati a male e alimenti scaduti per terra o nelle celle frigorifere. Sono stati trovati anche escrementi di ratti e condizioni igieniche generali altamente precarie. In tutto sono state sequestrate tre tonnellate e mezzo di alimenti che sarebbero probabilmente finite sulle tavole dei villeggianti. Non è escluso che ciò sia già successo. Sequestrate anche partite di pasta, riso, carne, salumi, formaggi, legumi, pepe, frutta sciroppata, zucchero, acqua minerale, vino, aceto e persino prodotti dolciari.
In un albergo le ispezioni hanno permesso di recuperare carne e salumi conservati in una cella frigorifera ricavata in una stanza da letto.
Le strutture alberghiere sono di proprietà dello stesso imprenditore, M.S., che è stato denunciato alla Procura della Repubblica nonché alla direzione sanitaria della Asrem. L’imprenditore, rischia una sanzione per centinaia di migliaia di euro, per avere anche impiegato in varie mansioni lavoratori in nero di diverse nazionalità.
La stazione di Campitello Matese, tra l’altro, ha già una storia recente travagliata, causa gli interventi regionali per tamponare i bilanci fortemente in rosso.
Le indagini condotte dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Campobasso, coordinate dalla locale autorità giudiziaria, si orientano anche verso gli ambienti della criminalità organizzata, per la quale il settore del commercio di prodotti scaduti è diventato un vero e proprio business.
La nostra inchiesta su Campitello Matese di qualche settimana fa: CLICCA QUI.

<div class="

Precedente Il restauro di Santa Brigida a Civitanova del Sannio Successivo Il Molise "sportivo" nella Capitale