Elezioni in Molise: ecco i risultati



CAMPOBASSO – Crollo dell’affluenza ai seggi anche in Molise. Ha votato il 57,83% contro il 62,41% dell’ultima tornata.
Per quanto riguarda i risultati, ecco una panoramica.
A Busso, al termine delle operazioni di scrutinio, ha vinto Angelo Colaneri con la lista civica “Uniti per Busso” (45,62%, 474 voti) rispetto a Giovanni Picciano con la civica “La Fontana” (36,66%, 381 voti). Staccato dietro Nicola Giancola con “Patto per Busso” (17,70% con 184 voti).
Plebiscito per Salvatore Orazio (“Uniti e solidali”) a Campolieto: 428 voti pari al 93,65% rispetto ai 29 voti di Nunzio Gennaro Giarrusso con la civica “Per il mio paese”.
A Castelbottaccio vince Francesco De Lisio con 164 voti contro i 96 di Giovanni Francario.
Nicola Fratangelo s’impone a Castellino del Biferno con il 48,75% (195 voti) ed è il nuovo sindaco, dietro c’è Antonio Fratangelo con il 28% (112 voti), ultimo Giovanni Fratangelo con il 23% (92 voti).
Netta affermazione a Castelpizzuto per Ascenzio Fortunato Di Santo (61,41%) con 78 voti, a seguire Antonio Domenico Di Luca (37%) con 47 voti, mentre Giovanni Caranci (1,57%) prende 2 voti.
A Civitanova del Sannio è sindaco Lidia Iocca con il 54,06% (339 voti), lista “Uniti per il futuro”. Carmine Del Buono ottiene il 26,95% con 169 voti (“Uniti nel progresso”), mentre Sandro Santagata conquista il 18,97% (119 voti).
Passiamo a Duronia dove s’impone Michelino D’Amico (53,13%) con 178 voti, contro Mario Petracca (46,56%) con 156 voti. Un voto è andato a Domenico Maglione (0,29%) con il Movimento sociale italico.
Torna sindaco di Guardialfiera il consigliere provinciale Remo Grande (vicesindaco uscente), che ha guidato il Comune per due mandati nel dopo-terremoto del 2002. Risultati non ancora definitivi ma la sua lista “Insieme per Guardialfiera” non dovrebbe avere problemi contro la civica “Super Partes” capitanata da Malvino Di Sabato, professore di lettere in pensione.
Rosa Iorio, sorella del governatore, è in vantaggio ad Isernia con il 46% circa delle preferenze, per cui se la dovrà vedere al ballottaggio con Ugo De Vivo (31%). Ottima la percentuale per l’ex presidente della Provincia Raffaele Mauro (11% ). Ritardi nel conteggio dei voti: la situazione è ancora provvisoria alle 23,30. Qui anche un episodio di cronaca: un ragazzo di Isernia è stato denunciato dalla Digos per violazione della segretezza del voto, avendo scattato una foto col cellulare alla scheda appena votata nella cabina elettorale della scuola Andrea d’Isernia.
Avvincente testa a testa a Jelsi. Alla fine s’impone Salvatore D’Amico (“Impegno per Jelsi”) con 681 voti (pari al 52,91%) contro Francesco Maiorano (“Ora per Jelsi”) con 606 voti.
Sindaco di Limosano è Angela Amoroso (60,12%) con 374 voti ottenuti con la lista civica “Insieme”, mentre Ivan Cerio s’è fermato a 248 voti, pari al 39,87% con la lista “Spiga di grano”.
A Montefalcone vince il sindaco uscente Gigino D’Angelo (46,4%), ex assessore provinciale, che con la civica “Per Montefalcone” ottiene 580 voti. A seguire Antonio Menna con il 29,12% e 364 voti, mentre Mario Cistriani ottiene il 24,48% pari a 306 voti.
Sindaco di Montelongo è Nicolino Macchiagodena con un plebiscitario 73,41% (185 voti), che distanzia Mario Perrotta con il 25,39% (64 voti), Libero Iacobucci e Giuseppe Cianciullo, entrambi con l’1,19%.
A Montemitro vince di misura Sergio Sammartino con il 53,96% (117 voti) con la civica “Nuovi Orizzonti” contro il 46,03% di Franco Giorgetta (151 voti).
A Petacciato, comune di 3.600 abitanti, è sindaco Gabriele La Palombara, sindaco uscente di area centrodestra, che ha battuto Luisa Caruso, quarantotto anni, laureata in Economia e commercio, a capo della lista “Amo Petacciato”, ispirata al centrosinistra. Gabriele Lapalombara ha ottenuto 1.438 voti contro i 942 di Luisa Caruso.
A San Felice del Molise vince Corrado Zara con il 60,56% (321 voti) contro Nicoletta Radatta con il 39,43% (209 voti).
A San Martino in Pensilis, uno dei centri più grandi della zona con quasi cinquemila abitanti, s’impone il sindaco uscente, l’avvocato quarantaquattrenne Vittorino Facciola (Pd) con la civica “Unione per San Martino” rispetto all’imprenditore Giovanni Di Matteo (“San Martino Libera”) e all’infermiere 47enne Domenico Mancino (“Per San Martino”), segretario del circolo locale del Pdl.
A San Massimo stravince l’assessore provinciale Salvatore Micone (97,46%, 538 voti) contro Gianluca Di Pasquale (2,53%, 2 voti).
A Sant’Elena Sannita, Giuseppe Terriaca con 120 voti batte il sindaco uscente Nicola Pette, che si è fermato a 83 preferenze, terzo con 17 voti l’imprenditore della profumeria Pierino Muliere, che vive a Roma. Nessun voto per il quarto candidato sindaco Massimiliano Evangelista.
A Torella del Sannio s’impone Giovanni D’Alessandro con la civica “Insieme per Torella” (55,66%, 349 voti) contro Michele Fuscoletti con la civica “La Rinascita” (43,85%, 275 voti). Nicola Barbiero con “Insieme si può” ottiene solo lo 0,47% pari a 3 voti.
Una curiosità: a Rosello, piccolo paese dell’Abruzzo ai confini con il Molise, ha vinto lo scrittore Federico Moccia, autore di “Tre metri sopra il cielo”. La moglie è originaria di questo piccolo centro montano.
Questi i dati finali di affluenza alle urne in tutti i comuni molisani interessati dalla competizione elettorale del maggio 2012:
Busso 53,27 (-4,27)
Campolieto 43,72 (-19,69)
Castelbottaccio 30,47 (-9,43)
Castellino del Biferno 41,14 (+0,76)
Castelpizzuto 53,25 (+3,69)
Civitanova del Sannio 47,30 (-8,83)
Duronia 33,46 (-3,28)
Guardialfiera 67,88 (-3,4)
Isernia 76,96 (-2,4)
Jelsi 44,09 (-4,09)
Limosano 53,87 (-3,65)
Montefalcone nel Sannio 61,37 (-3,9)
Montelongo 49,37 (-2,51)
Montemitro 62,47 (-7,28)
Petacciato 70,75 (-5,23)
Sant’Elena Sannita 82,41 (+0,79)
San Felice del Molise 52,37 (-3,26)
San Martino in Pensilis 70,39 (-3,2)
San Massimo 67,71 (-11,02)
Torella del Sannio 50,51 (-3,14)
Toro 73,26 (-0,8)-

<div class="

Precedente Convegno: "Lingua, Immigrazione, integrazione" Successivo Spettacolo su Giovannitti