Un prontuario per la sanità multietnica



Un prontuario per la sanità multietnica

Quasi la metà degli utenti delle strutture di pronto soccorso delle grandi città è composta da cittadini stranieri. Le punte più alte si registrano nella maternità. E mentre crescono in tutta Italia le percentuali di utenza straniera, spesso sprovvista di medico di base e più esposta alle criticità ambientali, i tagli alla sanità stanno fortemente penalizzando la mediazione linguistica.
Non parlare la stessa lingua e non comprendere le diverse percezioni della salute costituiscono gravi ostacoli nel rapporto tra operatori sanitari e paziente. Specie nei casi di emergenza. I disservizi determinati dall’incomunicabilità si sommano alle difficoltà conseguenti a diagnosi di patologie inusuali per il nostro Paese.
Per alleviare il personale medico ed infermieristico nel comunicare con persone straniere che si rivolgono a un pronto soccorso o a un ambulatorio, la fondazione “Integrazione” di Roma, con il supporto del ministero della Cooperazione e dell’Anci, ha realizzato il prontuario “Salute”, che sarà distribuito gratuitamente in numerose strutture sanitarie di tutta Italia.
La pubblicazione raccoglie domande, frasi e parole d’uso più comune nelle strutture mediche – tipo ‘Dove ti fa male?’ – tradotte in inglese, francese e arabo, con la possibilità di aggiungere altre lingue, a seconda delle etnie maggiormente presenti in un determinato territorio. Apposite sezioni sono riservate alla gravidanza, alla contraccezione, alle violenze e alla pediatria mentre la grafica, curata dalla Sectio, adotta quei canoni etici e culturali, di matrice olandese, che oltrepassano la pura ricerca di equilibri formali per offrire un servizio di valenza fortemente sociale, arricchito da numerosi simboli di facile comprensione per tutti.
“Salute” sarà presentato mercoledì 28 marzo, dalle 9,30, a Roma presso la sala “Antico Atrio” dell’azienda ospedaliera “San Giovanni Addolorata”. Sono previsti gli interventi, tra gli altri, di Gian Luigi Bracciale, Gerardo Corea e Salvatore Passafaro (direttori generali e sanitari del “San Giovanni”), Luca Odevaine (presidente di Integrazione), Livia Caramazza (Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta), Gennaro Rocco (vice presidente Collegi Ipasvi) e di Flavio Zanonato (sindaco di Padova e delegato all’Immigrazione dell’Anci). Modera il giornalista Giampiero Castellotti, curatore della guida.

<div class="

Precedente Elezioni in Molise: ecco i risultati Successivo Per un'etica dell'armonia