Pezze sdrucite



Senza scomodare grandi analisi, c’è una differenza fondamentale tra la crisi finanziaria americana e quella europea: in America i debiti del settore privato (banche, famiglie e imprese) sono stati spostati sul bilancio dello Stato, in base al nobile principio “privatizzare i profitti e socializzare le perdite” che vige anche nel bastione dell’economia capitalista.
In Europa, invece, i debiti del settore pubblico sono stati spostati… su altri bilanci pubblici dove comunque non ci sono soldi.
Insomma in America i buchi sul fondo dei pantaloni sono stati coperti da pezze più o meno robuste. In Europa si sta cercando di coprire gli strappi con pezze sdrucite cucite con un ago arruginito e il filo di un colore diverso.
Non si sa quanto resisteranno, ma presto o tardi, un movimento po’ brusco produrrà altri squarci. Ma, come esorta Berlusca, non bisogna spargere pessimismo. E infatti io sono pronto a cogliere tutti gli aspetti positivi. Ad esempio l’avvicinarsi dell’estate. Finire in mutande in inverno è decisamente meno piacevole.

(Fabio Scacciavillani)

<div class="

Precedente Libia, dai baci alle bombe Successivo Il percorso politico della Lega Nord