Tassisti, “Free now” si rivolge a voi

Da luglio scorso si chiama “Free now”. Precedentemente era nota come “Mytaxi”. E’ la piattaforma multiservice per la mobilità urbana, leader di mercato, che opera attualmente in 100 città d’Europa con 14 milioni di passeggeri ed oltre 100mila tassisti con licenza. Il brand “Free now” lavora con 750 dipendenti di 68 nazioni in 26 uffici in Europa. Eckart Diepenhorst è Ceo Europe di “Free now”.

“Free Now Italia” ha lanciato l’integrazione del servizio nella app di Moovit, l’applicazione più utilizzata al mondo per il trasporto pubblico, dando vita a una partnership strategica che armonizza trasporto pubblico e taxi. Grazie alla collaborazione, gli utenti delle oltre 200 città italiane in cui Moovit è presente, possono vedere i 5.000 taxi disponibili nella flotta di “Free now” tra Milano, Roma, Torino, Napoli, Catania, Palermo e Cagliari. Se scelgono di utilizzare il servizio taxi, gli utenti verranno, poi, indirizzati dall’una all’altra App, con un semplice click sullo smartphone.

Il servizio fa parte di “Free now Group”, la joint venture dedicata al ride-hailing nata dalla fusione dei servizi di mobilità di Bmw Group e Daimler AG, che include al suo interno altri servizi: Kapten (disponibile in Francia, Svizzera e Inghilterra), beat (presente in Grecia e America Latina), Clever (attivo in Romania) e hive (disponibile in Austria, Francia, Belgio, Grecia, Polonia e Portogallo).

“Abbiamo intrapreso un percorso di cambiamento già da qualche mese, affiancando al nostro servizio taxi anche hive, il brand di monopattini elettrici in sharing, che abbiamo lanciato alla fine del 2018 – spiega Eckart Diepenhorst, ceo Europe di “Free now”. “Se da un lato il ruolo dei tassisti con licenza rimarrà sempre di cruciale importanza nella nostra offerta, dall’altro crediamo che sia necessario poter offrire anche altre opzioni di mobilità in futuro. La domanda degli utenti, i contesti regolatori e le possibilità tecnologiche applicate alla mobilità urbana sono, infatti, in continuo cambiamento e per mantenere ed alimentare la nostra base di utenti, dobbiamo saper evolvere. Solo in questo modo possiamo, dunque, raggiungere il nostro obiettivo: rendere la mobilità accessibile a tutti, indipendentemente da età e reddito”.

C’è una novità di questi giorni. “Siamo estremamente fieri di aver lanciato nel nostro Paese il primo programma loyalty per tassisti della storia di Free now – afferma Barbara Covili, general manager di “Free Now Italia”. “Abbiamo portato avanti questa iniziativa in quanto consideriamo gli oltre 5.000 tassisti con licenza che ci hanno scelto, come dei veri e propri partner, ed è per questo che vogliamo offrire loro non solo una piattaforma innovativa che permetta di intercettare nuove fasce di utenti, ma anche un nuovo modo di vivere la loro professione, che consenta di sentirsi parte di un “Team” e di divertirsi, accumulando punti e, quindi, premi mentre lavorano”.

Il programma fedeltà, realizzato dall’Agenzia Ppro, prevede che tutti i tassisti di “Free now” possano maturare punti a seconda delle loro performance lavorative, come ad esempio per ogni corsa accettata o in base al rating assegnato dai passeggeri, ma anche in occasione di compleanni o di eventi aziendali. I punti saranno spendibili in un ricco catalogo premi, che include gift cards Amazon, Q8 e Tucano, così come prodotti Samsung, Imetec, Kitchen Aid e Rossignoli.

Precedente Musacchio: "Le mafie sono una minaccia globale" Successivo Matese, riproporre la Galleria di valico