C’è anche il Molise tra le mete 2020 indicate dal New York Times

Il racconto della transumanza molisana sul New York Times soltanto nello scorso settembre, ad opera di Maria Russo, giornalista americana con origini molisane (di Frosolone), ha lasciato il segno. E così il popolare quotidiano statunitense ha pensato bene di inserire il Molise, a sopresa, tra le tre mete ideali italiane – in un totale di 52 destinazioni – per questo 2020. La regione con Isernia e Campobasso condivide il privilegio con la Sicilia e Urbino.

Per il resto, il quotidiano indica mete abbastanza scontate come Tokyo, dove quest’anno si svolgeranno le Olimpiadi, o le Bahamas, di recente colpite dall’uragano Dorian e in fondo sempre un ever green. E poi la Groenlandia, emblema dei cambiamenti climatici a causa dello scioglimento dei ghiacciai.

L’indicazione del Molise è accompagnata da una certa ironia, stavolta perlomeno benefica: “Non ne avete mai sentito parlare? Non sentitevi in imbarazzo – scrive il Times, precisando che è una meta ideale per chi è in cerca di un’Italia “al tempo stesso tradizionale e incontaminata“. Ancora una volta è la transumanza a fare la differenza, insieme al sito di Sepino.

Occorrerà capire che impatto avrà la notizia a livello internazionale e soprattutto per i ritorni turistici in Molise. Il problema è che la maggior parte dei media internazionali sta riportando i nomi delle località del proprio Paese. Anche in Italia sta avvenendo questo: ad esclusione del quotidiano La Repubblica e di pochi altri, a dare risalto alla notizia sono soprattutto giornali locali, chi esalta la Sicilia, chi Urbino e chi, appunto, il Molise. Però da un sasso potrebbe nascere una valanga. Chissà…
 

Precedente Roma è più povera con meno librerie Successivo Montagna: giornata "Sicuri con la neve"