Maniago: le coltellerie rilanciate con il marketing territoriale

Il 2020 inizia con una grande soddisfazione per il Consorzio NIP a Maniago, in Friuli, capitale nel Nord dei coltelli rispetto a Frosolone, capitale nel Mezzogiorno.

E’ interessante sapere che, in collaborazione con i partner del territorio, il Consorzio NiP si è aggiudicato un importante finanziamento attraverso il bando messo a disposizione dal GAL – Gruppo di Azione Locale – Montagna Leader. Il progetto presentato è finalizzato ad una serie di iniziative di marketing territoriale incentrate sulla promozione del territorio attraverso il prodotto tipico coltelleria.

Le attività previste spaziano dalla partecipazione a manifestazione fieristiche, alla realizzazione di materiali promozionali volti a raccontare la tradizione centenaria della coltelleria maniaghese fino agli studi di mercato per individuare i più profittevoli canali di sbocco di questo prodotto.

Il progetto, che ha visto l’adesione compatta di numerose aziende, prevede la partecipazione di realtà del settore del mobile e del comparto agroalimentare, allo scopo di arricchire la vetrina sulla produzione tipica locale. In quanto nell’attuale scenario globalizzato, la Rete e la cooperazione sono gli strumenti più validi per promuovere l’innovazione e la forza commerciale di un territorio, generando significative ricadute di tipo economico ed occupazionale.

Si tratta di un vero e proprio piano di rilancio del comparto del coltello che, attraverso la preziosa collaborazione del Consorzio Coltellinai di Maniago e in coordinamento con CCIAA Pn-Ud e Comune di Maniago si propone di dare enfasi alle realtà produttive del territorio, dalle più strutturate alle più piccole.

L’iniziativa, che fa parte di una più complessa strategia per lo sviluppo locale portata avanti dal Consorzio NIP, ha l’obiettivo di promuovere all’esterno i valori legati alla tradizione artigianale e industriale del maniaghese. Una storia antica che incarna il saper fare del mastro coltellinaio, fedele da sempre all’accuratezza e all’attenzione per i dettagli e oggi portavoce del “Made In Italy” nel mondo senza però escludere la capacità delle nostre aziende, sempre più digitali, sempre più innovative e sempre più industria 4.0.

“Siamo molto soddisfatti della proposta progettuale delineata, ma quello che ci inorgoglisce maggiormente è la partecipazione decisa e numerosa delle aziende al nostro progetto – spiega Stefano Dametto, presidente del Consorzio NIP – anche all’estero Maniago è sinonimo di coltello e la nostra produzione e qualità viene apprezzata e ricercata sempre di più. Abbiamo nel territorio delle importantissime realtà riconosciute nel mondo, ma con questo progetto puntiamo a supportare anche le realtà più piccole, enfatizzando il ruolo del Consorzio Coltellinai, storia del nostro territorio che proprio quest’anno festeggia i 60 anni di attività!”.

Frosolone potrebbe prendere esempio…

Precedente Dalla gestione sostenibile della foresta al legno come materiale da costruzione Successivo Coronavirus, i consigli del medico Vincenzo Esposito