Nancy Pelosi, la presidente della Camera Usa

Nancy Patricia D’Alessandro Pelosi, presidente (speaker of the United states House of representatives) della Camera dei Rappresentanti statunitense dal 2007 (prima donna, prima californiana e prima italoamericana a ricoprire tale carica), è nata il 26 marzo 1940 a Baltimora, nello stato del Maryland, da famiglia d’origine molisana. Suo padre, Thomas D’Alessandro, è stato sindaco di Baltimora.
Il nonno materno, Nicola Lombardi, era originario di Fornelli, in provincia di Isernia, nel Molise, e il nonno paterno, Tommaso G. D’Alessandro, era originario di Montenerodomo, piccolo centro in provincia di Chieti in Abruzzo
Si laurea al Trinity College di Washington, dove conosce il futuro marito, Paul Pelosi, con cui ha cinque figli: Nancy Corinne, Christine, Jacqueline, Paul e Alexandra.
Impegnata con i democratici, ne diventa la portavoce per il Nord California. Viene eletta alla Camera nel 1987 nel distretto di San Francisco, città di residenza, da sempre feudo democratico. Nel partito ottiene incarichi sempre più importanti.
Nel suo impegno politico si mette in luce per il sostegno a cause ambientaliste, specie sul fronte energetico, votando ad esempio contro le perforazioni nella costa nord dell’Alaska; è in prima fila nel votare leggi sociali, a sostegno dell’assistenza ai bisognosi, dei diritti degli immigrati, del controllo governativo sull’assistenza sanitaria e per il finanziamento della scuola pubblica; è favorevole all’eutanasia assistita e per la netta separazione tra Stato e Chiesa; è contro l’eccessiva diffusione di armi da fuoco tra i cittadini, anche se, dopo l’11 settembre 2001, approva aumenti di spesa governativi per la difesa nazionale. Tuttavia si oppone alla risoluzione che autorizza il presidente Bush ad impiegare la forza militare contro l’Iraq, esprimendo perplessità sull’esistenza delle armi di distruzione di massa in mano a Saddam Hussein.
Orgogliosa delle origini italiane, è membro onorario del consiglio di amministrazione della National Organization of Italian American Women.

Precedente Mino Pecorelli, la “penna” vittima del Palazzo Successivo Angelo Persichilli, il flauto magico