Anche Milly Carlucci “s’interroga” sul Molise…



Sabato scorso, durante la nota trasmissione “Ballando con le stelle” su Raiuno, una ballerina molisana – Marcella Sammartino – ha sfidato i fratelli Gargarelli, ballerini pugliesi di Brindisi, per superare una selezione. Per la cronaca la giovane artista molisana è stata sconfitta. L’aspetto che ha colpito noi molisani sono state le parole espresse da Milly Carlucci nel presentare la giovane ballerina. Informando il pubblico che la Sammartino è di Campobasso, zona sconosciuta, ha tenuto a sottolineare che “anche da lì possono uscire bravi artisti”, quasi che la fama sia un’esclusiva di località più note (quasi sicuramente la Carlucci ignora la sfilza di artisti d’origine molisana di cui è pieno il mondo, da De Niro a Toquinho, da Venditti ai fratelli Muccino).
Nessuna permalosità per un’osservazione che ci può anche stare. Anzi, meritorio il fatto che Milly Carlucci abbia sottolineato la bravura della giovane ballerina della “Dancing Art Molise” di Campobasso e ne abbia reso note le origini a più riprese. Però colpisce il fatto che ogni volta che emerge il Molise ci debba essere un commento quasi di meraviglia perché da quelle terre possa fuoriuscire qualcosa di importante.

La Sammartino, per la cronaca, è stata selezionata durante il tour “Ballando on the road” tra ben 10mila ballerini in tutta Italia (gruppi, coppie e singoli). Ed è entrata tra i finalisti del torneo esibendosi nella puntata di “Ballando con le stelle” del 1 marzo scorso. Sabato scorso è stata sfortunata ad esibirsi con i tre giovani fratelli Gargarelli, che ovviamente hanno fatto maggiore tenerezza al pubblico specie per la presenza del più piccolo di appena sei anni. 

Nel corso del programma sono intervenuti anche i genitori della ragazza, intervistata nella terrazza della loro abitazione con la vista di Campobasso sullo sfondo.

<div class="

Precedente Sconforto per la ragazza molisana  suicida all'Università a Napoli Successivo M5S: il programma per il Molise.  Ma mancano riferimenti agli emigrati