Larino (Cb): “Larinetnica”, arriva la sesta edizione



LARINO (CAMPOBASSO) – La VI edizione della “Larinetnica” si svolgerà a Larino (Cb) il 5 agosto 2012. La manifestazione sarà a cura dell’Ecomuseo Itinerari Frentani e darà la possibilità ai visitatori del Molise di effettuare un “ viaggio” nella storia, nella cultura, nei sapori, nelle tradizioni, nell’oralità popolare della nostra terra. Per la realizzazione della manifestazione con l’’Ecomuseo Itinerari Frentani collaboreranno la Pia Associazione Carrieri e la Pro Loco di Larino.
La “Larinetnica” prevede, alle ore 10.00, ma solo su prenotazione entro il 4 agosto 2012, visite guidate tra siti archeologici della splendida Larinum, un percorso nei monumenti del centro medioevale, tra cui la meravigliosa Cattedrale e l’immersione nella cultura popolare dell’area.
Nella manifestazione, dalle ore 19.00 del 5 agosto 2012, è inclusa la IV edizione della” Rassegna delle Carresi”, ideata dall’Ecomuseo Itinerari frentani, dal 2010 è organizzata dalla Pia Associazione Carrieri di Larino.
Nella “ Rassegna delle Carresi” sfileranno per le vie di Larino i carri addobbati a festa e trainati da buoi che caratterizzano diverse feste dei centri del “ Larinese” , tra cui la meravigliosa e imponente festa di San Pardo. La Rassegna delle carresi è una sorta di museo dinamico, dove con l’aiuto di esperti, i visitatori, immersi nei colori, suoni e atmosfera delle carresi, avranno modo di acquisire conoscenze legate agli aspetti demologici e religiosi di queste splendide tradizioni.
In serata è previsto la proiezione del recente film-documentario, di Giuseppe Mammarella, con cenni relativi a notizie storiche sulla Larino romana, medioevale e moderna e ricchi riferimenti alla festa di San Pardo.
Nella manifestazione, dalle ore 17.00, sono previsti l’esposizione dei gioielli di Alessandra Mancinelli e di altri artisti-artigiani, l’esposizione degli strumenti musicali di Pino Iove, un laboratorio artigianale per apprendere a realizzare i fiori di carta di San Pardo e con cui, a Larino, vengono addobbati i circa 130 e meravigliosi carri che sfilano per le vie del paese il 25 e 26 e 27 maggio, e un corso di danza popolare sulla Spallata Molisana e sulla Tammurriata.
In serata per concludere questo suggestivo viaggio nell’animo delle genti frentane saranno protagonisti i canti, i suoni, le danze del Molise Frentano con l’intervento dei seguenti gruppi: I Cantori della Memoria di Larino, Musicando di Santa Croce di Magliano, “Dove vanne ne venne” di Colletorto, inoltre, come elemento di contaminazione e di confronto verranno eseguiti anche brani dell’area vesuviana grazie al gruppo “ A Perteche” di Pino Iove. (Il servizio ristoro sarà garantito da Casablanca musiclub e Cuore del Gusto)
La “Larinetnica” darà ai cittadini del posto la possibilità di immergersi negli elementi della propria identità culturale, ai visitatori della nostra regione di conoscere meglio un angolo molisano che è scrigno di risorse e di bellezze.
Per informazioni: www.itinerarifrentani.it, per prenotazioni visite guidate e laboratori: 340-6550584.

Marcello Pastorini (Ecomuseo Itinerari Frentani)

<div class="

Precedente Castelbottaccio (Campobasso): si rinnova il "Teatro di paglia" Successivo Roma, aspettando [S]oggetti migranti, rassegna di corti al Museo Pigorini