Il Molise presente a “RomaCavalli” ora punta ad altre manifestazioni



ROMA – Anche il Molise è stato presente all’evento di straordinario successo “Romacavalli”, che grazie ad uno splendido weekend metereologico ha fatto il gran pienone alla Fiera di Roma.
Nei quattro giorni della manifestazione romana si sono registrati 93mila visitatori, attratti dalla passione equestre.
Competizioni, esibizioni, spettacolo e tanto divertimento in compagnia di oltre 2.000 cavalli hanno fatto da cornice all’evento. Tra i protagonisti, nella zona spettacolo della Fiera, anche tre stupendi esemplari del cavallo Pentro che il presidente dell’associazione Allevatori molisani Leopoldo Narducci, che ha presentato ad un folto pubblico di appassionati le tipicità molisane.
Un importante momento di promozione del turismo molisano a Roma che, grazie all’impegno della Regione Molise, ha coinvolto anche realtà come gli agriturismi e i tratturi, settori che in futuro potrebbero insieme fare del turismo un reale fattore di sviluppo economico e sociale del Molise. Tra i presenti, anche la famiglia Colantuono di Frosolone (Isernia), simbolo della transumanza.
Il Salone Internazionale dell’Equitazione e dell’Ippica di Roma conferma il suo successo dando appuntamento al grande pubblico e agli appassionati del cavallo alla primavera del 2012. Tanta soddisfazione da parte degli organizzatori, delle istituzioni e di tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa.
“Un successo atteso eppure cresciuto oltre ogni previsione – dichiara Roberto Bosi presidente di RomaCavalli Expo. “Grande pubblico, sportivi e appassionati ma anche operatori economici dell’universo Cavallo hanno dimostrato ancora una volta la validità della nostra organizzazione e che la manifestazione è ormai un appuntamento imperdibile”.
Nei quattro giorni di manifestazione, RomaCavalli ha regalato ai professionisti del settore, agli sportivi, agli appassionati ma soprattutto ai bambini e alle famiglie, giornate magiche e un contatto diretto con il mondo dei cavalli. Tante le competizioni nei 6 campi di questa seconda edizione della kermesse equestre romana. 38 le gare di salto ostacoli che si sono disputate, cui hanno partecipato 388 cavalli, per un totale di 1.311 prove. Tra le gare più importanti del salto nazionale il Gran Premio e la Potenza, mentre la categoria più numerosa la C130 del venerdì con 62 binomi partenti. Nell’insieme le categorie Fise hanno distribuito un montepremi di 90mila euro, dei quali 25mila nel solo Gran Premio. I cavalieri che hanno preso parte alle gare della disciplina sono arrivati anche dalla Svizzera, dalla Germania e dalla Colombia.
Per il salto ostacoli pony la categoria che ha raccolto il maggior numero di iscritti è stato il Trofeo Brevetti Cavalli, con 86 partenti. In totale la sezione pony ha distribuito 10mila euro di montepremi, dei quali 5.000 nel Trofeo Brevetti Cavalli. Il cavaliere più giovane a sfidare gli ostacoli: Cristian Cofelice, di otto anni.
Prima assoluta della seconda edizione di RomaCavalli è stata Terre & Cavalli, un “salone nel salone” per la promozione dei territori e degli itinerari turistici dedicati al mondo del cavallo. Un importante programma di workshop tematici e corsi hanno affrontato argomenti di grande interesse per gli addetti del settore. La manifestazione si è conclusa con il tradizionale saluto al pubblico del Carosello storico dell’Arma dei Carabinieri.
“RomaCavalli”, come spiega l’assessore al Turismo della Regione Molise, Franco Giorgio Marinelli, rappresenta solo una delle vetrine incluse nel piano promozionale 2011, che prevede un nutrito calendario di partecipazioni fieristiche.
Il coordinamento delle partecipazioni è stato affidato ad alcune qualificate organizzazioni iscritte all’albo delle associazioni turistiche molisano, tra cui il Comoltur, lo storico consorzio che da oltre 35 anni è impegnato proprio nell’ambito della promozione e della rappresentanza degli operatori turistici molisani.
L’appuntamento di “RomaCavalli”, segue altri eventi del piano promozionale che l’assessore, sebbene con risorse di bilancio modeste, si è impegnato a garantire, come la BTSA di Viterbo e la BMT di Napoli Borsa del Turismo Mediterraneo di marzo a gestione Comoltur.
L’assessore Marinelli, consapevole dell’importanza della diversificazione e dell’innovazione delle proposte di itinerari alla scoperta del Molise, ha voluto presentare due novità: la prima è l’adesione al circuito delle Bandiere Arancioni del Touring Club italiano di Scapoli e Frosolone, che insieme ad Agnone, si includono tra le “eccellenze dell’entroterra” del Touring; la seconda riguarda il turismo religioso, che ben si collega con le motivazioni di un “slow tourisme” e ad un ambiente non stravolto da una eccessiva urbanizzazione.

<div class="

Precedente Finanziamenti per la microimpresa tramite Invitalia (ex Ig) Successivo Roma, conferenza culturale: alla scoperta del Sodoma