Roma, cinema L’Aquila: “Ombre di luce” di Massimo D’Orzi



ROMA – Dal 28 marzo sarà in programmazione alle 20.30 e alle 22.30 al Nuovo Cinema Aquila – via l’Aquila, 68 a Roma – “Ombre di luce”, il film realizzato da Massimo D’Orzi e prodotto da “il Gigante” in collaborazione con la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università di Roma “La Sapienza”, assieme a Digilab, Laboratorio di Scienze Umanistiche.
Sullo sfondo dell’autunno caldo del 2008, quando studenti e precari dell’Università diedero vita al fenomeno poi noto come il movimento dell’Onda, la macchina da presa segue un gruppo di studenti di un corso innovativo: al calare della luce del sole, in un’aula dalle pareti trasparenti, uno scrittore e una pittrice stimolano i ragazzi ad inventare una storia, attraverso immagini e un modo originale di muoversi e parlare.E da pensieri invisibili sono attraversati i protagonisti di questo documentario atipico. Giovani studenti creano con immagini e parole scritte, un mondo di fantasia che rischia di scomparire nella luce del giorno. Le parole si perdono nel silenzio dei loro sguardi, ma gli occhi tradiscono l’urgenza di domande imprescindibili: auspicano che non muoia in loro un desiderio di sapere. Sperano che i sogni ad occhi aperti partoriscano ricerche di conoscenza.
Ombre di luce di Massimo D’Orzi, Italia 2010, durata: 1h e 10′
Ci voleva il primo film girato interamente dentro la Sapienza di Roma per parlarci di università, formazione, ricerca, conoscenza. Da un giovane regista abile nel mischiare documentario e fiction, immagini del desiderio che entrano nella realtà di un gruppo di studenti di oggi…
Dopo l’anteprima al Nuovo Cinema Aquila, “Ombre di luce” sarà in programmazione all’Auditorium di Sant’Apollonia di Firenze il 4 aprile, al Cineporto di Bari il 12 aprile ed il 9, e 10 e 14 aprile a Perugia.
Nuovo Cinema L’Aquila, via L’Aquila 68, tel. 06-70399408.
E-mail: [email protected], www.cinemaaquila.com.
Biglietti: intero € 6,00; ridotto € 4,00
Per info: www.ilgigantecinema.com/Ombre_di_luce.htm; www.facebook.com/ombrediluce.

<div class="

Precedente Fara San Martino (Chieti): l'autentica sfida dei borghi Successivo Molise, riconosciuta la Doc al vitigno "Tintilia"