ROMA/ Manifestazione dei giornalisti: in pochi a protestare a piazza Navona



ROMA – Alla categoria giornalistica pesano probabilmente più i problemi del precariato e di una libertà di stampa messa a repentaglio dallo sfruttamento lavorativo che non i timori per il disegno di legge sulle intercettazioni se è vero che alla “mobilitazione” promossa da Fieg e Fnsi davanti al Senato, a piazza Navona, hanno aderito sì e no una sessantina di giornalisti sugli oltre 102mila iscritti all’Ordine professionale.
Il grave inasprimento delle sanzioni civili e penali a carico dei giornalisti, previsto dal disegno di legge, evidentemente trova la maggior parte degli operatori della comunicazione ormai rassegnati e sfiduciati. Nonché lontani dagli organi di rappresentanza. Pesa di più una situazione occupazionale di categoria ormai drammatica, dove i sindacati continuano per lo più a rappresentare i “garantiti” (Rai e qualche altro editore) rispetto ad un esercito di giovani precari vittime di una fase di sfruttamento senza precedenti, con “pezzi” spesso pagati pochi centesimi a riga da giornali che invece continuano ad essere foraggiati dai contributi di Stato.
Nei giorni scorsi la giunta esecutiva della Fnsi (Federazione nazionale della stampa italiana), non appena appresa notizia degli emendamenti al disegno di legge già approvato dalla Camera, ha deciso di convocare in seduta straordinaria il Consiglio nazionale e di invitare giornalisti e società civile alla mobilitazione immediata contro ogni proposta liberticida. Ora forse farebbe bene a meditare sul baratro che separa la federazione da una larga fetta degli operatori della comunicazione. Occasione di meditazione che potrebbe includere anche l’anacronistico ruolo dell’Ordine dei giornalisti che sforna circa 1.500 professionisti all’anno, molti destinati ad ingrossare le fila della disoccupazione cronica o dell’inattività.
I rappresentanti dei giornalisti e degli editori sono stati invece impegnati con il presidente del Senato, Renato Schifani a Palazzo Madama per sottoporre le preoccupazioni del mondo dell’informazione (soprattutto quello garantito) per le norme restrittive inserite nel ddl sulle intercettazioni attualmente all’esame della commissione Giustizia del Senato. All’incontro erano presenti il presidente ed il segretario della Fnsi, Roberto Natale (Rai) e Franco Siddi, accompagnati dal direttore Giancarlo Tartaglia, il presidente dell’Unione cronisti italiani, Guido Columba, il direttore generale della Fieg, Alessandro Brignone.
Ma la questione delle intercettazioni rappresenta solo una goccia rispetto ad anni di angherie subite dalla categoria. Con responsabilità che, il più delle volte, sono nella categoria stessa e nei suoi vertici lontani dal “ventre” della categoria.

<div class="

Precedente EVENTI/ Gerano: l'infiorata richiama migliaia di persone Successivo MOLISE/ Appuntamenti culturali: da Antonio Grano al tema dell'eolico