Associazione Pugliesi a Milano, premio “Ambasciatore di terre di Puglia”

Domenica 10 novembre 2019 a Milano, presso Palazzo Marino, Sala Alessi, piazza della Scala 2, si rinnoverà la cerimonia di premiazione dell’onorificenza “Ambasciatore di terre di Puglia”, promossa dagli amici dell’Associazione regionale pugliesi in collaborazione con la Presidenza del Consiglio comunale di Milano.

Il programma prevede alle ore 16,30 la registrazione e l’accoglienza e a seguire un convegno con la cerimonia di consegna del Premio.

I premiati dell’edizione 2019 sono la cantante Mietta, il comandante delle Frecce Tricolori, Gaetano Farina, il Rettore dell’Università degli Studi di Milano Bicocca, Giovanna Iannantuoni e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa. Il riconoscimento “Eccellenze di Puglia” sarà consegnato al Maestro d’arte ceramica Giuseppe Fasano. Condurrà la serata la giornalista Nicla Pastore.

L’edizione 2019 è la continuità di un’iniziativa germogliata dalla volontà di incontrare persone, aziende, enti e istituzioni che per le loro notevoli competenze professionali e artistiche, unite a doti intellettuali, capacità organizzative, profonda umanità, attitudini relazionali nell’arte, nella musica, nello spettacolo, nell’economia hanno valorizzato le culture e l’ingegno delle genti originarie delle Terre di Puglia contribuendo a diffondere una immagine positiva del Paese Italia oltre i confini nazionali. Il logo ufficiale è una rappresentazione del faro di S. Maria di Leuca (de finibus terrae), luogo di incontro dei due mari pugliesi, vedetta di una terra protesa verso altre terre.

Presidente del premio è A.M. Bernardini de Pace, avvocato cassazionista, mentre presidente della giuria è il generale Camillo de Milato.

La giuria è composta da:

– Giacomo De Laurentis, professore ordinario del Dipartimento di Finanza presso l’Università Bocconi

– Giovanni Fantasia, generale di Divisione (r.) Esercito Italiano

– Paolo Malena, segretario generale Forum della Solidarietà

– Giancarlo Martella, docente universitario

– Giovanna Mavellia, segretario generale Confcommercio Lombardia

– Maria Luisa Motolese, presidente della sezione giurisdizionale regionale della Corte dei Conti per le Marche

– Michele Pizzillo, giornalista

– Gerardo Placido, attore

– Paolo Rausa, giornalista e regista teatrale

– Antonio Sanfrancesco giornalista

– Giuseppe Saracino, console onorario Repubblica di Lituania

– Franco Tarantino, pittore e scultore

– Samuele Valentino, generale (r.) medico Esercito Italiano

Comitato d’onore:

– Livia Pomodoro, presidente Accademia di Belle Arti di Brera

– Antonio Troiano, responsabile redazione Cultura Corriere della Sera e direttore dell’inserto “la Lettura”.

– Nancy Dell’Olio, avvocato, ambasciatrice della Puglia nel Mondo

– Vincenzo Barbante, presidente Fondazione Don Gnocchi

– Armando Messineo, presidente nazionale Società Mutuo Soccorso Cesare Pozzo

– Giancarlo Piccinni, presidente Fondazione Don Tonino Bello

– Fernando Cartenì, presidente Premio Barocco

– Rodolfo Masto, presidente Fondazione e Istituto dei Ciechi di Milano

– Mario Furlan, fondatore e presidente dei City Angels

– Nico Colonna, direttore di Smemoranda e Socio fondatore di Zelig

– Stefano Dambruoso, magistrato

– Angelo Perrino, direttore di Affari Italiani

– Fernando Burgo, direttore Scuola di Moda Burgo

– Gaetano Galeone, avvocato, presidente del Comitato permanente della Fondazione Terres des Hommes

– Marilena Ganci, consigliere A.R.I.A. Spa e VicePresidente azionisti di minoranza S.E.A. Spa

– Jole Milanesi, magistrato, presidente Circolo Cultura e Scienza “Piri Piri”

– Maurizio Bossi, sessuologo

– Maria Rita Gismondo, biologa e medico, docente universitaria

Ingresso gratuito sino a esaurimento posti disponibili.

Mentre i pugliesi organizzano lontano dalla propria terra, da anni, queste meritorie cerimonie aggregative con il supporto delle istituzioni, la Regione Molise non trova di meglio che finanziare una trasferta al Niaf a Washington…

Precedente Genitori, occupatevi di droga prima che se ne occupino i figli... Successivo Competitività: benissimo il Lazio, male il Molise