“Molise da gustare”, sito che raccoglie eccellenze gastronomiche regionali

Durante il 2020 la Lupacchioli, marchio storico di Campobasso, è stata promotrice dei sito Molise da gustare che promuove la vendita di prodotti di nicchia del Molise.

Consultando il sito Molise da gustare (www.molisedagustare.it) si può trovare in “Chi siamo” le motivazioni che hanno guidato la nascita della iniziativa che nel primo periodo (ottobre-dicembre 2020) ha avuto un riscontro molto significativo.

Il sito comprende anche il club amici della Lupacchioli, con iscrizione gratuita, per avere offerte promozionali rivolte agli ”Amici del Club” e anche per venire a conoscenza delle novità e curiosità che si verificano nella nostra regione.

Il sito ha in programma l’organizzazione del “micro turismo” con visite di fine settimana o domenicali che saranno inseriti sulla piattaforma non appena pronti.

La Lupacchioli è una delle più antiche case dolciarie italiane. Ha iniziato la sua produzione artigianale di dolci e liquori nel 1840 a Campobasso. La “ Ditta Marianna Lupacchioli e figli “ dal nome della sua fondatrice, oltrepassò presto per la sua alta qualità i confini della provincia Alla metà del 1800 i suoi prodotti furono premiati dalla Regina Vittoria del Regno Unito, dal Re Leopoldo II del Belgio. Ferdinando II di Borbone del regno delle Due Sicilie  gustava i prodotti della Lupacchioli  sia nella sua corte di Napoli sia durante le sue battute di caccia sui monti del Matese. I liquori Lupacchioli giunsero anche alla corte del Re Vittorio Emanuele II che ne apprezzò il gusto squisito, come è stato rilevato da documenti storici presenti in azienda.

La Lupacchioli è l’azienda capofila dell’iniziativa.

Molise da gustare” comprende, tra l’altro, l’A.PRO.PR.OL, associazione di 3.200 olivicoltori nata nel 1978, oggi nota con il marchio “Molitello”, l’azienda Casa Florio salumi di Montecilfone (Campobasso), il Centro Tartufi Molise e il Molino Cofelice di Matrice (Campobasso).

Precedente Il dramma del Molise: lettera a Draghi Successivo Covid, ma davvero c’è da fidarsi dei numeri?