“Radio Colonia. Emigrati italiani in Germania scrivono alla radio”



"Radio Colonia. Emigrati italiani in Germania scrivono alla radio"

ROMA – È stato pubblicato il volume di Roberto Sala e Giovanna Massariello Merzagora "Radio Colonia. Emigrati italiani in Germania scrivono alla radio", che racconta l’esperienza degli Italiani in Germania nel dopoguerra tramite la voce degli stessi protagonisti. Il libro presenta infatti una selezione delle lettere inviate negli anni Sessanta e Settanta a Radio Colonia, una trasmissione in lingua italiana diffusa dagli enti radiofonici tedeschi nell’ambito dei programmi per gli immigrati stranieri.

Nel secondo dopoguerra, la Germania occidentale rappresentò una delle mete principali dell’emigrazione italiana, ancora intensa sino a qualche decennio fa. In particolare, nei primi anni dopo l’espatrio, le condizioni di vita degli emigrati furono assai dure e ricordano da vicino le vicende di chi oggi, da immigrato, arriva in Italia. La vita nelle baracche, la separazione dalle famiglie, le continue discriminazioni, il rapporto difficile con la politica e le istituzioni sono soltanto alcuni degli aspetti che emergono dalla raccolta.

Le lettere rappresentano una preziosa testimonianza oltre che del vivere quotidiano nell’emigrazione, anche del rapporto con la scrittura da parte di persone per le quali la lingua madre era rappresentata dal dialetto e che non avevano ancora instaurato un rapporto di confidenza e di consuetudine con la lingua nazionale. Nei saggi compresi nel volume di Roberto Sala, storico docente all’Università di Berlino, e di Giovanna Massariello, glottologa all’Università di Verona, si affronta una doppia riflessione, storico-sociale da un lato, socio-linguistica dall’altro, attraverso una panoramica storica che tratteggia la storia dell’emigrazione italiana in Germania e delle trasmissioni radio in lingua straniera, e tramite un saggio linguistico che considera la natura dell’italiano popolare attestato nelle lettere dei migranti. (ItalPlanet News)

<div class="

Precedente Regione Molise, che "spendacciona"... Successivo Continua a calare la popolazione molisana