Castellotti e Scacciavillani firmano biografia su Tremonti



http://forchecaudine.com/gallery/00_Notiziona/tremonti_cover_fronte.jpg

ROMA – La recente uscita di scena dell’ex ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, coincide temporalmente con l’arrivo in libreria di una biografia, rigorosamente non autorizzata, sul “tributarista di Sondrio”.
A ricostruire in quasi 500 pagine le vicende umane, professionali, politiche ed economiche del parlamentare valtellinese sono l’economista Fabio Scacciavillani, 50 anni, nato a Campobasso, una prestigiosa carriera in giro per il mondo (lunghe esperienze alla Banca centrale europea, al Fondo monetario internazionale e a Goldman Sachs prima di approdare ai fondi d’investimento dei Paesi arabi) e il giornalista economico Giampiero Castellotti, già firma del quotidiano “L’Unità” e presidente dell’associazione “Forche Caudine”.
Il libro s’intitola “Tremonti, il timoniere del Titanic” ed è pubblicato da Editori Riuniti.
Gli autori, dopo avere ricostruito l’infanzia di Tremonti tra Sondrio e Lorenzago sul Cadore (Belluno) e il periodo universitario a Pavia, orientano l’indagine sull’ascesa professionale legata al prestigioso studio tributario in via del Crocefisso a Milano, con succursale a via della Scrofa a Roma, punto di riferimento della grande impresa italiana e delle aziende di Silvio Berlusconi. Ma anche sulla scalata politica con la maglia socialista e le amicizie giuste tra banchieri, imprenditori e personalità vaticane.
Oltre alle vicende biografiche, i due autori analizzano nel dettaglio trent’anni di politica economica, evidenziando, con numeri alla mano, punti di forza e contraddizioni dei provvedimenti promossi dall’ex ministro dell’Economia.
Il libro di Castellotti e Scacciavillani raccoglie anche una serie di contributi esterni sull’operato di Tremonti scritti da vari economisti, tra i quali Adam Asmundo, Salvatore Biasco, Massimiliano Deidda, Andrea Fumagalli, Paolo Leon, Stefano Lucarelli e Mario Seminerio.

<div class="

Precedente Un pomeriggio molisano all'insegna di pagine e note Successivo Salviamo il paesaggio molisano dalla "finta" energia pulita